Due turiste russe rubano alla Rinascente di Palermo. Arrestate

Due turiste russe, madre e figlia, sono state arrestate dalla polizia per furto alla Rinascente. Dentro a una borsa le due donne avevano due abiti firmati e un jeans: merce per un valore di 1.200 euro. Secondo una prima ricostruzione, a notare i movimenti sospetti delle turiste è stata una delle guardie giurate che garantiscono la sicurezza all’interno del grande magazzino. Il vigilantes ha atteso che le due donne lasciassero i locali della Rinascente e ha chiamato la polizia.

I poliziotti dell’Ufficio prevenzione generale hanno bloccato in strada le due turiste che albergavano a Cefalù da qualche giorno. La madre quando si è resa conto di essere stata smascherata avrebbe anche cercato di corrompere uno dei poliziotti offrendogli 100 euro. Stupore per gli investigatori che hanno accertato che le due donne sono benestanti e da metà luglio erano arrivate in Sicilia per visitare l’Isola. Per la signora – su disposizione del magistrato di turno Enrico Bologna – è scattato anche l’arresto per istigazione alla corruzione oltre a quello di furto aggravato. Nelle borse delle due donne sono state trovate anche una pinza e un taglierino, utilizzati per neutralizzare le placche antitaccheggio. Domani le turiste saranno processate per direttissima. I poliziotti le hanno accompagnate al carcere Pagliarelli.download-1