Cantiere Popolare: il ritorno di Roberto Corona

Si cominciano a riscaldare i motori a Messina in vista della competizione regionale fissata per il mese di novembre 2017. E il Partito Popolare Europeo, per quanto riguarda le prossime Regionali del 5 novembre sta tessendo le alleanze con Forza Italia e con quanti, come gli autonomisti e gli Udc di Cesa, vogliono spostare verso il centro la coalizione di centro-destra.

“In una congiuntura politico-economica contraddistinta da populismi e improvvisazione – ha dichiarato Romano– e da una scarsa partecipazione dei cittadini oltre che da una sfiducia crescente nella capacità della politica di fornire risposte efficaci e credibili, chiamiamo a raccolta la comunità che si riconosce nei valori del popolarismo e che vuole rilanciare il Centro”.

 “Registriamo un grande entusiasmo – ha commentato l’ex ministro a conclusione dell’Assemblea- al nostro progetto politico di Centro per un vero riscatto della Sicilia dopo il disastroso governo Crocetta. Dal territorio raccogliamo contributi tematici e adesioni a Cantiere popolare ed è un percorso che stiamo attuando in tutte le province”.

 Cantiere Popolare, che vede tra le file degli aderenti ex cuffariani (lo stesso Romano è molto vicino all’ex governatore), guarda all’area ex dc e moderata che non si ritrova nelle posizioni attuali dei centristi che sostengono Renzi a Roma e Crocetta in Sicilia (sebbene Romano lo scorso anno, durante il governo Renzi abbia fatto un passaggio in Ala, la corrente creata da Verdini nei mesi che lo hanno visto vicino al governo nazionale).

Tra i nomi spicca quello dell’ex deputato regionale Roberto Corona, che è stato tra i fondatori di Forza Italia a Messina. Ex Dc, Corona, che punta ad un ritorno all’Ars, lo scorso anno sembrava essere in procinto di un passaggio con tutta la corrente nell’Udc post divorzio da D’Alia (quella di Cesa), ipotesi tramontata dal momento che il gruppo Naro ha preso le redini del partito, attualmente  coordinato da Giovanni Frazzica.
images-2messina