Nello Musumeci

VERSO LE ELEZIONI

Alfano pronto a sostenere Nello Musumeci

 Il ministro Angelino Alfano ha deciso. Appoggerà la candidatura di Nello Musumeci e non è una candidatura qualsiasi, ma una garanzia di onestà e di legalità che ha sempre difeso e fatte sue. Indietro non si torna, è fase avanzata il cantiere per la ricostruzione del centrodestra in Sicilia. Alfano dice a Berlusconi di essere pronto a «collaborare» davanti all’«opportunità di battere sia Renzi che Grillo» .

Il ministro quindi fa cadere anche la pregiudiziale sul nome di Nello Musumeci, dicendo di essere “disponibile a sostenere il candidato proposto” da Forza Italia in ossequio a un accordo che si estenda fino alle Politiche, con garanzie anche sulla legge elettorale. In questa direzione Fi per ora dice no ma è in programma per lunedì un incontro fra Alfano, Ghedini e Letta. Gianfranco Micciché, architetto dell’operazione “ritorno al passato”, all’ex Cavaliere ha strappato nei giorni scorsi alcuni degli impegni chiesti da Alfano: rimuovere quella che il ministro degli Esteri ha chiamato una “fatwa” nei confronti suoi e dei suoi uomini, un sostegno per una soglia di sbarramento più bassa del cinque per cento alla Camera, l’ingresso formale dei moderati che oggi stanno ancora con Renzi in una coalizione di centrodestra nel caso in cui nella legge elettorale fosse introdotto il premio di maggioranza.

I moderati che sposano il progetto ci sono già. Con Alfano c’è Gianpiero D’Alia, leader dei

Centristi per la Sicilia, che ieri ha incontrato Musumeci. E anche da queste parti potrebbero venir giù le barriere, se è vero che oggi l’Udc di Cesa dovrebbe annunciare ufficialmente l’appoggio all’ex presidente della commissione Antimafia. C’è Stefano Parisi con la sua “Energie per l’Italia”, che invita Alfano «a far cadere le pregiudiziali sui leghisti che d’altronde sono state rimosse in Lombardia e Liguria».

Ministro degli Esteri Angelino Alfano
Ministro degli Esteri Angelino Alfano