Domiciliari per il mazzettaro Mario Carmelo Mistretta dell’ASP di Caltanissetta

Un ispettore del lavoro dell’Asp di Caltanissetta avrebbe chiesto soldi in cambio di una consulenza tecnica e minacciato di effettuare ulteriori controlli sul lavoro nelle varie sedi di una società di servizi locale. Si tratta di Mario Carmelo Mistretta, 51 anni, che è agli arresti domiciliari.

Il rappresentante legale della società ha denunciato la richiesta della tangente alla Procura delle Repubblica nissena. La guardia di finanza ha posizionato videocamere nello studio del denunciante e ha effettuato intercettazioni ambientali. E’ stato ripreso l’episodio di richiesta di una tangente in cambio di mancati controlli ad un’altra società del gruppo. L’ispettore avrebbe fatto richiesta del compenso nel corso di un controllo avvenuto nei confronti di una delle società del gruppo, alla quale dopo il sopralluogo erano state contestate varie irregolarità.

Le intercettazioni sono avvenute, all’insaputa del rappresentante legale, che nonostante tutto ha deciso di non versare mai la tangente. Il gip del tribunale di Caltanissetta ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare con l’applicazione della misura degli arresti domiciliari e, su delega della Procura, la guardia di finanza ha eseguito diverse perquisizioni per accertare se altri controlli siano sfociati in richieste di tangenti.

Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

asp-2-caltanissetta_920x450