Una ragazza contesa dietro l’omicidio del Fortino a Catania

C’è una lite per una ragazza contesa alla base del delitto del Fortino, quando Enzo Valenti, 21 anni, lo scorso 20 dicembre, è stato ucciso per un proiettile che gli ha prima attraversato il braccio e successivamente si è conficcato nell’addome. La Procura di Catania e la Polizia hanno fatto luce sul delitto arrestando, con un decreto di fermo del sostituto procuratore Fabrizio Aliotta, Danilo Guzzetta, appena diciottenne. L’uomo è stato fermato per omicidio con l’aggravante di aver commesso il fatto per futili motivi e per detenzione e porto illegale di arma da fuoco.

polizia
Polizia Catania