Capo d’Orlando. Premio di Poesia per i giovani dedicato alla memoria di Basilio Reale. Tutto gratis? Forse!

Quando mi ritrovo tra le mani una delibera di Giunta dell’amministrazione comunale di Capo d’Orlando, mi assale l’ansia non da prestazione, per carità, ma da sopportazione. Si, perché inevitabilmente leggo, scrivo e poi la pressione sale e sale e… continua a salire. Uno degli assessori che per intelligenza, cultura e ironia non è secondo a nessuno, ha avuto il barbaro coraggio di dire in giro che il Carnevale Siciliano, conosciuto anche nel Mozambico ndr), è costato una bazzecola, sì perché per lui circa 12mila euro per una manifestazione soltanto virtuale, non è esagerato. E ci fa sapere anche, con la sua notissima faccia di bronzo, che in passato il Carnevale Siciliano alle casse dei cittadini, e non suoi, è costato molto di più. Quindi, argomento chiuso. Ora capite bene che dopo una dichiarazione di siffatta bellezza etica – morale, ogni commento è superfluo, “fuori servizio”, direbbe lui.

Mi sono ritrovato tra le mani una copia di delibera, che il solito uccellino mi ha fatto recapitare tramite posta prioritaria, avente per oggetto Progetto – laboratorio “la Balena di Giaccio”. Premio di Poesia per i giovani “Basilio Reale”. Anno 2018. Trattandosi di un premio legato ad uno psicanalista e poeta, ad un uomo che ho amato sinceramente e con il quale ho trascorso mesi insieme giorno e notte, mi è sembrato normale che ci fosse una cifra da destinare per la realizzazione del progetto in questione. Lui, ne sarebbe stato felice al pari di chi scrive!

Dove ho cominciato a capire che i conti non tornavano è nella somma che il comune ha sborsato: la bellezza di 6. 000, 00 euro relativo alla realizzazione del laboratorio, ma anche per spese di vitto, alloggio e compenso ai poeti, artisti coinvolti, non ne è specificato il numero né il talento di ognuno di loro, considerato che il premio Nobel Salvatore Quasimodo è morto da un pezzo, Ungaretti da anni non c’è più come Lucio Piccolo, Ada Merini la poetessa maledetta, ci ha lasciato qualche anno fa, non immaginiamo quali poeti illumineranno la scena. Ma verranno assegnati anche attestati di partecipazione e di merito, ebook finale e il costo della pubblicità che va considerato.

Preso atto che il suddetto progetto si propone di realizzare nell’anno 2018 un laboratorio di sperimentazione poetica rivolto prevalentemente agli studenti di Capo d’Orlando ed un evento finale che farà parlare tutto il mondo. Non è ben chiaro se per l’evento il comune dovrà sborsare altri 6 mila euro oppure valgono quelli dell’anno 2017. Il laboratorio avrà la durata di due mesi, e si terrà presso la Sala Tano Cuva della biblioteca comunale e sarà collegato ad altre importanti iniziative e che l’evento finale sarà realizzato nel mese di giugno 2018 con l’intervento di poeti, artisti e giornalisti con la premiazione dei componimenti poetici selezionati.
Adesso fatemi lavorare che dovrò mettere da parte la bellezza di seimila euro, per pagare vitto, alloggio, gettoni di presenza e altro, molto altro…a Salvatore Quasimodo, Giuseppe Ungaretti, Lucio Piccolo ecc.ecc.