Secondo Legambiente in Sicilia 1 edificio su 4 è in pessime condizioni

In Sicilia esistono quasi 375 mila edifici residenziali in stato mediocre e pessimo: si tratta di 1 edificio su 4, oltre il 26% del patrimonio edilizio abitativo della regione. Lo rivela Legambiente, attraverso la campagna Civico 5.0, presentata questa mattina a Siracusa a bordo del Treno Verde, il convoglio ambientalista di Legambiente e Ferrovie dello Stato.

In Italia secondo Legambiente si contano 11,9 milioni di edifici residenziali – il 79,3% degli edifici totali – con 30,6 milioni di abitazioni. Di questi, sono oltre 2 milioni gli edifici residenziali in mediocre e pessimo stato di conservazione e rappresentano il 16,8% del totale. Lo stato di conservazione è inversamente correlato con l’età degli edifici e, secondo un’analisi svolta dal CRESME sulle epoche di costruzione del patrimonio edilizio, la grande maggioranza è stata realizzata fino ai primi anni ’90, con 10,43 milioni (87,6%).
I tecnici di Legambiente, prima dell’arrivo del Treno Verde in Sicilia, hanno realizzato un’indagine termografica in quattro appartamenti di due diversi condomini a Bagheria, grosso centro del Palermitano, e in uno di questi anche un’analisi dei consumi energetici elettrici. Sui quattro appartamenti, i problemi sono evidenti e comuni: dispersioni termiche da pilastri, travi, infissi e dalle pareti perimetrali, da cui molto spesso è visibile l’impronta rilasciata dal calorifero.

Nell’appartamento in cui è stata effettuata anche l’analisi dei consumi elettrici, il risparmio per la famiglia potrebbe essere pari a circa il 20% dell’attuale spesa se si efficientassero i consumi attraverso la riduzione degli sprechi e la gestione dell’energia.