Regala una storia a un cestino della Sicilia. L’iniziativa che sta conquistando tutti

 

Regalare una storia a un cestino gettacarte per stimolare il senso di appartenenza alla propria città ed educare al rispetto dell’ambiente. Così, un’iniziativa nata per gioco, ad Augusta, in provincia di Siracusa, si è presto diffusa in altre città siciliane come Enna ma anche a Torino, e sui cestini della spazzatura sono stati affissi fogli per raccontare le storie dei quartieri. “L’intento è principalmente ludico, un modo per sperimentare la creatività e rendere le nostre città più interessanti – dice Francesco Giordano, che da Augusta ha lanciato l’iniziativa “Regala una storia a un cestino” – “Tutto è nato per caso, vicino casa mia mancava un cestino, così un giorno ho deciso di comprarne uno e, per gioco, ci ho scritto su una storia. Un modo per andare a scoprire le piccole storie dei nostri quartieri e dato che si tratta di piccole e umili storie niente è meglio di un esercito di piccoli e poco considerati cestini per raccontarle”.

L’iniziativa diffusa anche via social è piaciuta e, da Augusta, si è presto diffusa a Enna e Torino coinvolgendo anche i bambini delle scuole che hanno partecipato con delle storie e hanno realizzato degli spettacoli di teatro e disegni a tema. “Una buona occasione per parlare di sostenibilità in senso più ampio – aggiunge Giordano – è presente, inoltre, un aspetto culturale con alcuni aneddoti storici sulle città raccontati proprio lì dove sono ambientati da uno di questi stravaganti cestini parlanti. Il progetto, partito lo scorso anno, ha già raccolto tantissime adesioni e i cestini “parlanti” sono stati fotografati e pubblicati sulla pagina Facebook “Regalaunastoriaauncestino”. Chiunque può partecipare scrivendo una storia, fotografando il cestino e riportando l’hashtag #regalaunastoriaauncestino