Ilda Boccassini

Durissima l’Antimafia di Fava contro i magistrati “depistatori”

Durissima la Commissione Antimafia all’Ars per il comportamento dei giudici Nino Di Matteo, Ilda Boccassini e Anna Palma. Tecnicamente, i depistatori della Procura di Caltanissetta nel caso Borsellino. Di Matteo fa il bullo e dice a Fava che ” non vale una beneamata m…a”, la Boccassini irrita nel suo giochino del ” non so nulla, anche se sapessi non voglio dire nulla, io non c’ero”, la Palma ha fatto carriera proprio con il suo comportamento da genuflessa alla cosiddetta ragion di Stato nel coprire le Istituzioni colluse e corrotte.

Su Anna Palma si  scrisse tanto anni fa anche per il caso Livatino.  I veri manovratori, ovvero Tinebra e Arnaldo La Barbera sono scomparsi anzitempo e sono i loro familiari a portare la croce. Fiammetta Borsellino ne ha per tutti ma potrebbe rivolgersi al compaesano Sergio Mattarella, come capo del CSM e mandare lettere di fuoco al vero garante dei silenzi e dei depistaggi :  Giorgio Napolitano.

E che dire del ministro Alfonso Bonafede che ha minacciato chissà cosa dicendo alla Borsellino di ” smetterla , stai calma se ci tieni alla vita”?  Ah, Bonafede è di Mazara del Vallo, terra di Matteo Messina Denaro?

Nino Di Matteo
Nino Di Matteo
Alfonso Bonafede
Alfonso Bonafede