Capo d’Orlando, l’assurdo ostracismo alla consigliera Linda Liotta.

La notizia, esplosa fragorosamente ieri sera, secondo la quale i tre consiglieri della Lista Orlandina, Colombo, Facciolà, Leonino, hanno firmato l’atto di espulsione della consigliera Linda Liotta, merita da parte nostra una maggiore considerazione.

Intanto, nessuno ci crederebbe che a prendere questo provvedimento tanto drastico quanto impolitico, sarebbero soltanto i tre consiglieri che, con tutto rispetto per la loro intelligenza, se non avessero avuto come credo abbiano qualcuno alle loro spalle che li guida, non si sarebbero nemmeno sognato di prendere venendo meno anche alle più elementari regole della politica.

Un’altro aspetto che non ci convince è quello secondo cui la Liotta avrebbe commesso un palese reato partecipando alla manifestazione dell’altro giorno in merito alla discarica di Tavola Grande: una manifestazione, pacifica, civile promossa dall’operatore turistico e mentore di “Mare D’Amare” Carlos Vinci che non ha turbato i sonni di alcuno.

La Liotta, con la sua presenza e che presenza, ha voluto testimoniare che i temi dell’Ambiente non sono distanti da lei, anzi! Quindi, non si è trattato di “nessuna occupazione di terre o di esproprio proletario”.

Vogliamo ricordare a tal proposito che la nostra emittente, pippogaliponews.it, circa dieci mesi fa aveva realizzato un video mostrando la discarica a cielo aperto che insiste in quella zona che, va detto per inciso, fa parte del comune di Capo d’Orlando.

A questo punto ci sorge un dubbio: non è per caso che abbia urtato qualcuno allorquando la consigliera Liotta ha sfiorato, soltanto sfiorato, il tema delle delocalizzazioni urtando così la sensibilità di qualche componente la giunta tirandosi addosso la zappa sui piedi da sola? Se cosi fosse, ma noi lo escludiamo, aggraverebbe la posizione dei tre consiglieri  che, in quel caso dovrebbero spiegare all’opinione pubblica, dove starebbe l’inghippo e loro a favore di chi giocano?

Un’ultima considerazione: ma il responsabile della Lista Orlandina, l’enigmatico, assessore Paterniti, perchè tace? Non sarebbe stato logico che sul documento dei tre consiglieri si fosse letta anche la sua firma? Per quale ragione politica ha ribadito, in questo caso come in altri, la sua simpatia a Ponzio Pilato? Gatta ci cova?