Verso il processo per gravi minacce al Pm

 “A stu pubblico ministero cu lu tritolu l’amu a fari satari”. E’ questa la frase che ha fatto finire sotto inchiesta Fabio Bellanca, 37 anni, di Joppolo Giancaxio, in provincia di Agrigento, accusato di minaccia grave ai danni del procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella. Adesso il pubblico ministero della Procura di Caltanissetta, Stefano Sallicano, concluse le indagini preliminari ha firmato il decreto di citazione a giudizio per l’indagato.

Bellanca, rappresentato e difeso dall’avvocato Daniele Re, dovrà comparire davanti al giudice monocratico – Nadia Marina La Rana – del tribunale di Caltanissetta, il prossimo 16 aprile. Il trentasettenne è stato arrestato, lo scorso luglio, con l’accusa di estorsione ai danni di una donna che sarebbe stata costretta a dargli 37 mila euro.

Il 17 luglio, incontrando casualmente Vella che stava pranzando al centro commerciale insieme a una collaboratrice, si è avvicinato e ha minacciato il procuratore aggiunto di Agrigento.