Brolo, la 90enne rapita torna a casa e riceve una gradita visita: il vescovo di Patti

S. E. il Vescovo di Patti, Guglielmo Giombanco, ha reso omaggio alla signora 90enne di Brolo, nel Messinese, assurta sua malgrado agli onori della cronaca per aver subito una rapina, brutalmente picchiata, derubata e stuprata da due minori di 14 e 17 anni, che attualmente si trovano nel carcere di Gazzi a Messina.  L’anziana, già vittima lo scorso anno di una rapina nella sua abitazione di via Messina, domenica scorsa aveva subito un furto da due uomini. Era stata ritrovata dai carabinieri e da una vicina di casa, insospettita per la porta spalancata, legata ed imbavagliata.

La donna subito ricoverata all’ospedale di Patti, si è poi ripresa in fretta, nonostante alcune fratture al costato riportate per essere caduta durante la rapina. I sanitari del nosocomio pattese, non hanno potuto più trattenerla in ospedale, esaudendo il suo grande desiderio di poter tornare a casa. Ieri mattina, in occasione della celebrazione liturgica, officiata dal Vescovo della Diocesi di Patti, per l’inaugurazione del nuovo anno scolastico, Monsignor Guglielmo Giombanco, accompagnato dal Parroco di Brolo, Don Enzo Caruso ha voluto fare visita a nonna Concettina, finalmente tornata a casa.

Una storia triste che ha avuto un esito migliore rispetto a quello della 90enne messinese, ancora ricoverata, che la scorsa settimana era stata brutalmente picchiata, derubata e stuprata da due minori di 14 e 17 anni, che attualmente si trovano nella Casa Circondariale di Messina Gazzi.

Don Enzo Caruso