Virus: dalle cliniche private alle navi ospedale, la Sicilia si prepara al peggio. Il governatore Musumeci, intervenuto a Omnibus su la 7: “La comunità ha compreso le misure restrittive”

«In Sicilia l’epidemia non ha raggiunto particolari dimensioni, adottiamo misure di prevenzione e c’è un grande senso di responsabilità da parte dei cittadini, la comuntà siciliana ha compreso». Il governatore della Sicilia Nello Musumeci intervenuto questa mattina su la7, ha parlato del momento che sta vivendo l’Isola che conta 62 casi di coronavirus e che da ieri sta facendo i conti con le misure che hanno esteso la zona protetta a tutta l’Italia.

Sui rientri dal Nord in Sicilia degli ultimi giorni, Musumeci ha detto: «Ventimila persone sono rientrate in Sicilia negli ultimi 4 giorni e quasi tutte si sono registrate come abbiamo chiesto di fare, quelli della zona rossa stanno osservando la quarantena, come del resto sto facendo io da quattro giorni. Prevale la convinzione che se oggi facciamo qualche sacrificio possiamo goderne in libertà e normalità».

Su come la Regione si sta preparando all’eventuale aumento dei casi di contagio, il governatore ha spiegato che si stanno «predisponendo nuovi posti letto, ne abbiamo pronti 200 per la Rianimazione» e ha annunciato che «domani si riunirà la giunta per chiedere alle cliniche di dare il loro apporto, alle università di immettere in servizio gli specializzandi». In più – ha svelato Musumeci – ho parlato con l’autorità portuale di Palermo che mi conferma che c’è un’armatore disposto a mettere una nave crociera a disposizione per un centinaio di posti letto» per farla diventare una nave ospedale dedicata ai malati di Covid-19. Siamo pronti per ogni evenienza. Fino a questo momento non abbiamo nessun decesso e quindi continuiamo a sperare»