Sondaggio, cresce il gradimento per Conte e Meloni

Roma – Nell’Italia chiusa in casa per il coronavirus, i sondaggi non registrano terremoti nel gradimento dei partiti.
Almeno per quanto riguarda i due principali: Lega e Pd. Mentre qualcosa cambia nel gradimento dei leader. A partire dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.
Nell’ultima settimana, secondo la rilevazione di Ixè per Cartabianca, la Lega si conferma primo partito, al 27%: stabile. Nessuna variazione neppure per i Dem al 22,5 %. Di sicuro, però, esaminando l’evoluzione delle ultime settimane, si nota che la distanza tra la prima forza di opposizione e la prima della maggioranza si è ridotta.
Sondaggio, cresce ancora il gradimento di Conte. Migliora anche la fiducia nel governo. Sì a nuove limitazioni per il virus.
In calo, invece, il Movimento 5 Stelle: dal 15,6 al 14,9 per cento. Flessione, ma più lieve, per Fratelli d’Italia: dal 13,4 al 13. Nell’area della maggioranza, scende ancora Italia Viva: dal 2,6 al 2,4. Mentre sale la Sinistra: dal 3,3 al 3,8. Nel centrodestra, si nota la crescita di Forza Italia: dal 6,1 al 6,6, complice forse l’atteggiamento di moderazione istituzionale adottato nell’emergenza coronavirus. Per il resto, +Europa cresce di un decimale (al 2,4 per cento); Europa Verde scende dall’1,9 all’1,6; Azione di Calenda dall’1,1 all’1 per cento; Cambiamo di Toti perde tre decimali e si ferma allo 0,7 per cento.

Da notare che cresce, in generale, la fiducia nei leader ma a goderne è soprattutto il premier, Giuseppe Conte, che passa dal 42 al 45 per cento e resta saldamente primo tra i personaggi politici.
Seconda è Giorgia Meloni al 35 per cento (+1 rispetto alla settimana precedente), terzo Salvini al 32 (+1), Zingaretti al 30 (+1), Di Maio al 22 (stabile), Renzi al 13 (+1). In generale, dunque, in questo periodo di crisi gli italiani tendono a puntare di più sulla figura dei leader.