Libanese arrestato dai carabinieri di Patti accusato di atti persecutori aggravati

I carabinieri di Patti hanno arrestato il libanese Ahmed Yaghi, 41enne, accusato di atti persecutori aggravati, diffusione illecita di immagini e video sessualmente espliciti, diffamazione aggravata, violenza privata e molestie, ai danni di una donna. Secondo le indagini condotte dai carabinieri l’uomo, in più circostanze, previ avvisi telefonici alla donna ed ai familiari di questa, ha divulgato sulla rete internet e su varie piattaforme telematiche immagini che la ritraevano in atteggiamenti intimi a contenuto sessualmente esplicito, senza il consenso della vittima.

L’uomo, inoltre, sui più noti social network creava falsi profili riconducibili alla donna, facendola apparire disponibile ad incontri sessuali con sconosciuti e attribuendole relazioni con uomini sposati. L’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.