Letture d’Estate: “A ciascuno il suo”

La scrittice Cristina Cassar Scalia, siciliana di Noto, giallista e oculista, per “Letti d’estate” ha scelto “A ciascuno il suo” di Sciascia. “È uno dei romanzi di Sciascia che amo di più – dice l’autrice della detective Vanina Guarrasi, l’ultimo libro pubblicato per Einaudi Stile libero è “La salita dei saponari” – È un giallo elaborato come solo lui sapeva fare, ispirato a una storia vera: l’assassinio del commissario di pubblica sicurezza di Agrigento Cataldo Tandoy avvenuto nel 1960”.
Per Cassar Scalia il romanzo è “uno spaccato della provincia siciliana degli anni Sessanta, con gli intrecci inesorabili tra politica, chiesa e i lati oscuri più indecifrabili della società”. Un romanzo da rileggere, soprattutto oggi che Sciascia ci manca più che mai.
Nadia Terranova legge Argo il cieco di Bufalino e c’è anche chi legge Luigi Pirandello. Sarà un momento memorabile.