Indagini a Caronia: “ricerche molto superficiali”?

Ieri in un commento del giornalista del quotidiano La Repubblica, con la prestigiosa firma di Francesco Merlo, che aveva diviso in due l’opinione pubblica tra i pro e i contro la famiglia e la procura a proposito delle indagini, ci eravamo schierati apertamente come nostro costume, a favore del Capo della Procura di Patti, Angelo Vittorio Cavallo, senza criminalizzare nessuno e men che meno il padre della dj Viviana, Luigino Parisi. Che la pensa esattamente al contrario di come la pensiamo noi.

Luigino Parisi, padre di Viviana fatica a nascondere la rabbia. “Sono arrabbiato…dopo aver saputo dell’immagine del drone”. Prima di entrare nella Procura di Patti ha aggiunto che “le ricerche sono state molto superficiali”. Oggi intanto le indagini dovrebbero entrare in una nuova fase. “In fase di sopralluogo eseguiremo una caratterizzazione forense del contesto ambientale, rilievi metrici e fotografici, distanze e tempi di percorrenza tra i punti di interesse – dice il direttore del Centro investigazioni scientifiche (Cis), Luca Chianelli, sugli accertamenti che saranno svolti per il giallo di Caronia -. Nel corso dell’esame autoptico verrà effettuata valutazione dello status dei resti cadaverici, che andrà correlato al contesto ambientale e faunistico locale. Saranno ricercati elementi per ricostruire la modalità e l’epoca della morte e per valutare ipotesi ricostruttive, ma anche le testimonianze, oltre all’adeguatezza degli interventi”.

Questo tradotto volgarmente, vuole dire che l’esame autoptico effettuato alcuni giorni fa, non solo non ha chiarito nulla ma avrebbe ulteriormente annebbiato le idee di molti di noi.

Il Cis, nell’inchiesta, è Consulente tecnico di parte (Ctp), nominato dai legali dei genitori di Viviana Parisi, gli avvocati Nicodemo Gentile e Antonio Cozza. Quattro gli esperti: il criminalista Luca Chianelli, il biologo forense Salvatore Spitaleri, l’entomologa forense Teresa Bonaccie il medico legale Cataldo Raffino. Il direttore Chianelli “non esclude di poter richiedere l’intervento di altre professionalità qualora fosse necessario nello sviluppo delle indagini”.