Coronavirus, tutto come prima? No, peggio di prima

E’ giunta l’ora di essere cittadini responsabili della nostra e dell’0altrui salute. Il coronavirus, non è stato ancora sconfitto, anzi, in questi ultimi giorni dimostra di essere violento tanto quanto lo era all’inizio della pandemia. Scorriamo velocemente il bollettino del virus delle ultime ore in
Sicilia.
71enne muore a Ragusa, a Comiso positivo un autista di uno scuolabus; 5 positivi tra medici ed infermieri all’ospedale di Lentini tanto da bloccare le sale operatorie del nosocomio lentinese;
cresce l’allerta a Villafrati, 65 cittadini risultano positivi tra cui anche il sindaco del paese per il quale si è reso necessario il ricovero in ospedale.
Insomma, di fronte a questi dati, che prevediamo se ne potranno aggiungere altri nelle prossime ore, basta da far ripetere fino alla noia, che non bisogna abbassare il livello di attenzione ed attuare tutte le precauzioni come indossare la mascherina anche all’aperto. Un pò
di precauzione, potrà servire per salvaguardare la salute di tutti noi.