E’ morto per Covid il giornalista vittoriese Gianni Molè – di G.Pensavalli

Il giornalismo siciliano piange la scomparsa per Covid di Gianni Molè, 63 anni, cronista che ha illuminato la storia della informazione iblea come pochissimi. Eclettico, grande esperto di calcio e ciclismo, sindacalista e tanto altro. Era stato bravo nel gestire a Vittoria banche, Comune, gare a volte truccate che avevano messo il grosso centro ragusano sotto i riflettori e molte attenzioni della stampa nazionale per la vicenda del bonzo, che si diede fuoco dopo aver perduto per 10.000 euro la casa di famiglia e dei suoi figli. Chi verga queste note ricorda il giovanissimo collega quando venivano messe in piedi da Franco Zuccalà le pagine siciliane di Gazzetta dello Sport e per i Giri di ciclismo a firma Sommariva per le improponibili strade isolane. Ma Gianni fu bravo a scrivere del business extrastagionale di Kamarina e altre strutture della Sicilia orientale. En danseuse con tutor Carmelo Gennaro, enciclopedia vivente delle due ruote. In uno di quei Giri si mise in luce la tostissima Antonella Gurrieri, che oggi è volto noto Rai.