Argenti di Morgantina troppo fragili, a rischio la trasferta negli USA

Gli argenti di Morgantina sono estremamente fragili e lo spostamento tra Italia e Stati Uniti ogni 4 anni, per 40 anni, previsto nell’accordo di restituzione siglato nel 2006 tra il Metropolitan museum di New YorK e il ministero dei Beni Culturali, li mette in grave pericolo.
Lo sostiene l’Archeoclub Aidone Morgantina, nell’appello al ministro per i Beni culturali, al presidente della Regione, all’assessore regionale per i beni culturali, al direttore del parco archeologico di Morgantina in territorio di Aidone, nell’Ennese. Gli argenti sono stati restituiti definitivamente nel 2010, ma
una clausola dell’accordo prevede che ogni 4 anni tornino al Metropolitan per essere esposti, termina un grave pericolo per gli argenti, la cui fragilità è stata confermata da una campagna di indagini diagnostiche non invasive che è stata eseguita ad Aidone nel 2014. «Il 2020 ha segnato il decennale della restituzione all’Italia del tesoro di Morgantina e chiediamo – affermano i firmatari – che in occasione di questa importante ricorrenza si tornasse urgentemente a discutere sull’opportunità che l’accordo sopra menzionato tra lo Stato italiano e il Met di New York venga rivisto».