agrumi

Scarti di limone diventano integratori per cura patologie cardio-vascolari

Brevettata da Enea una metodologia innovativa per trasformare gli scarti della lavorazione del limone in
integratori e nutraceutici da utilizzarsi nella prevenzione di alcune patologie come obesità, diabete,
ipercolesterolemia e disturbi cardio-vascolari. L’innovazione, messa a punto con le aziende siciliane
Navhetec srl e Agrumaria Corleone spa, si basa sull’utilizzo della tecnologia “separazione su
membrana», messa a punto dall’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo
economico sostenibile, abbinata a successive fasi di incapsulamento ed essiccazione mediante
tecnologia di spray-drying o essiccazione a spruzzo.
La tecnica permette di ottenere dagli scarti e dai sottoprodotti ottenuti durante la lavorazione del limone
delle nanovescicole, cioè sfere ricche di composti bioattivi come acidi nucleici, polifenoli, lipidi e proteine.
L’ente di ricerca segnala che alcuni studi in vivo e in vitro effettuati dalla start-up Navhetec già nel 2015
hanno dimostrato una forte azione di riduzione della crescita di cellule tumorali, mentre studi in corso ne
evidenziano le proprietà antinfiammatorie. Nel 2019, a seguito della sperimentazione del sistema
brevettato su alcuni volontari sani, è emersa una riduzione di alcuni fattori di rischio cardiovascolare,
quali colesterolo-Ldl e circonferenza vita. Il brevetto è applicabile anche ad altre matrici vegetali.