Un denunciato e oltre 2.200 persone controllate nelle stazioni ferroviarie della Sicilia

Un denunciato, 2.287 persone controllate, 48 veicoli ispezionati, 19 treni presenziati e 319
pattuglie impegnate nei diversi compiti istituzionali: è il bilancio delle principali attività realizzate
nell’ultima settimana dalla Polizia Ferroviaria in tutta la Sicilia.
A Messina, gli agenti della Polfer, durante i servizi di vigilanza nello scalo ferroviario, hanno
denunciato in stato di libertà un 26enne di nazionalità tunisina, per rifiuto delle generalità. Lo
straniero, alla richiesta dei poliziotti, senza giustificato motivo, si è rifiutato di esibire un documento
di identificazione e il permesso di soggiorno o di altro documento attestante la regolare presenza nel
territorio.
A Catania, gli operatori hanno rintracciato una sessantaquattrenne all’interno della stazione
ferroviaria, con problemi psichici, che si era allontanata dalla propria abitazione. A seguito di
accertamenti, la donna è stata affidata ad un proprio parente che si è adoperato per farla tornare a
casa.
A Palermo, è stato rintracciato un ventunenne di nazionalità tunisina, controllato all’arrivo di
un treno intercity notte, che, sprovvisto di documenti, è stato munito di decreto di espulsione e poi
accompagnato presso un centro di permanenza rimpatri.