QUESTURA di Palermo – Ingente sequestro di tonno


LA POLIZIA DI STATO E LA GUARDIA COSTIERA SEQUESTRANO PIU DI DUE TONNELLATE DI
TONNO ROSSO, IN CATTIVO STATO DI CONSERVAZIONE, DESTINATO AI RISTORANTI
DELL’ISOLA SEQUESTRI E SANZIONI PARI A 9.000,00 EURO
Operazione congiunta di controllo pesca tra Guardia Costiera di Cefalù e personale della Polizia
Stradale di Palermo – sezione di Buonfornello, che nella giornata di martedì, hanno effettuato controlli nei
territori comunali di Campofelice di Roccella – Lascari e Cefalù per contrastare il commercio illegale di
prodotto ittico.
L’attività, che si inserisce nell’ambito dei controlli sui trasporti di sostanze alimentari, ha portato al
sequestro di 11 esemplari di TONNO ROSSO, del peso complessivo di circa 2270 kg, alla confisca del
mezzo utilizzato per il trasporto ed al deferimento all’Autorità Giudiziaria del trasgressore.
I fatti: lo scorso martedì agenti della Polizia Stradale, Sottosezione di Buonfornello, hanno proceduto al
controllo di un automezzo furgonato nei pressi dei caselli autostradali di Buonfornello; avendo
riscontrato, durante l’accertamento, delle irregolarità amministrative, si è proceduto a verificare il
contenuto del carico. Dal controllo del vano frigo, il cui impianto di refrigerazione è risultato non
funzionante, i poliziotti hanno rinvenuto prodotto ittico consistente in n.11 esemplari di tonno rosso, per
un peso complessivo superiore alle 2 tonnellate e di cui il conducente del mezzo, non ha fornito alcuna
documentazione utile a dimostrarne la tracciabilità.
Si è chiesto pertanto l’intervento di personale della Guardia Costiera e contestualmente dei Medici
Veterinari dell’ASP di Cefalù che, intervenuti, hanno accertato una temperatura di conservazione (18-19
C°) del prodotto ittico, ben oltre i limiti previsti della vigenti normative. Infatti il tonno rosso, non
correttamente conservato, se non adeguatamente refrigerato, produce una tossina che crea gravi
disturbi al consumatore e, nei casi più gravi, può risultare addirittura letale.
Tutto il prodotto ittico, non ritenuto adatto al consumo umano, è stato distrutto. Al conducente del mezzo,
oltre alla confisca del mezzo ed al deferimento all’Autorità Giudiziaria, sono state contestate violazioni al
Codice della Strada per un ammontare di circa 3.000,00 euro e violazioni alle norme sanitarie per un
ammontare di circa 6.000,00 euro.
Il personale che ha operato l’importante sequestro ha sottolineato che l’attività di controllo proseguirà nei
prossimi giorni a tutela del consumatore onde scongiurare pericolo per la salute pubblica e prevenire
comportamenti illeciti a tutela della risorsa ittica e degli operatori della pesca che operano nel rispetto
delle regole.