Questura

Firma Protocollo in Questura a Palermo


IN QUESTURA, LA FIRMA DI UN PROTOCOLLO CHE, ATTRAVERSO LA QUARTO SAVONA
QUINDICI E LE FIAMME ORO DELLA POLIZIA DI STATO, AVVICINERA’ I GIOVANI STUDENTI
PALERMITANI ALLA PRATICA SPORTIVA ED AI VALORI DELLA LEGALITA’
Stamani, nell’aula “Corona”, all’interno della caserma “Pietro Lungaro”, si è proceduto alla firma di un
protocollo d’intesa che, a partire dalle prossime settimane, agevolerà la pratica sportiva degli studenti
palermitani, anche di quelli provenienti da quartieri disagiati ed allo stesso tempo faciliterà negli stessi
ambienti la veicolazione di valori di legalità.
Per chi creda nello storico connubio sport / legalità, l’elenco degli attori firmatari del protocollo e dei
rispettivi enti è già ampia garanzia di credibilità: il Questore di Palermo, dr. Leopoldo Laricchia, la signora
Concetta Mauro Martinez Montinaro, presidente dell’Associazione Quarto Savona Quindici, il Dirigente
Superiore della Polizia di Stato, dr. Francesco Montini, Presidente Nazionale dei Gruppi Sportivi Fiamme
Oro della Polizia di Stato ed il Dr. Angelo Cito, Presidente della Federazione Italiana Taekwondo. Il
protocollo consentirà di derogare ai limiti d’età, di 12 e 17 anni, attualmente vigenti, per chi desideri
praticare la nobile arte marziale coreana del Taekwondo, mediante il tesseramento alla locale Sezione
Giovanile Fiamme Oro affiliata alla Federazione Italiana Taekwondo.
Sport e legalità, non soltanto sono due facce della stessa medaglia, ma sono due prospettive attraverso
cui guardare al futuro con ottimismo: la Quarto Savona Quindici e la sua fondatrice Concetta Mauro
Martinez Montinaro, nella sua instancabile testimonianza di memoria, attraverso un percorso itinerante
nelle scuole palermitane, ha raccolto il bisogno di socializzazione e di sport, proveniente soprattutto dai
giovani che vivono un disagio sociale oltre che economico. E’ stato questo l’input che ha condotto gli enti
firmatari a ritenere giusto concedere una deroga che agevoli l’accesso e la permanenza dei giovani
studenti nell’ambito dei gruppi sportivi della Polizia di Stato.
L’essenza dell’iniziativa è quella, quindi, di diffondere, attraverso lo sport, quel “contagio di legalità” che
serva a sottrarre fette sempre più ampie di giovani generazioni alla malavita e che, in modo
progressivamente più incisivo e penetrante, in tutti gli strati della società palermitana, produca gli
anticorpi alla mafia.