Comune di Terme Vigliatore, proclamato lo stato di agitazione

Comune di Terme Vigliatore, proclamato lo stato d’agitazione dei lavoratori a tempo parziale. «Carico eccessivo e gravi ripercussioni sui servizi». Cisl Fp chiede la ricontrattualizzazione a tempo pieno. Stato d’agitazione del personale a tempo parziale del Comune di Terme Vigliatore. A proclamarlo è la Cisl Funzione Pubblica di Messina che, dopo diversi incontri per migliorare i servizi ai cittadini, ha dovuto prendere atto con rammarico della chiusura da parte dell’Amministrazione comunale. «Negli ultimi dieci anni – sostiene la Cisl Fp – dopo l’uscita di venti lavoratori a tempo pieno, con 36 ore settimanali, il carico di lavoro degli uffici è stato sopportato da ex precari, che rappresentano il 90% del personale, con un orario di lavoro di 24 ore settimanali. Peraltro, la spesa per il personale part-time è a totale carico della Regione Siciliana». Inevitabili le gravi ripercussioni sui servizi erogati alla cittadinanza, oltre al disagio per gli stessi lavoratori. Del problema è stata investita anche la Prefettura a cui è stato chiesto un incontro urgente affinché si valuti la possibilità ed il percorso per ricontrattualizzare i lavoratori ex precari a tempo pieno  36 ore settimanali.